In Friuli Venezia Giulia, nell’area collinare del Collio, c’è uno splendido castello risalente al 1200, il Castello di Spessa, che merita di essere visto durante un week end tutto all’italiana: ecco il nostro itinerario.

Stampa

Esistono luoghi imperdibili per la bellezza e l’armonia del paesaggio, che appagano il cuore e la mente, garantendo anche ottime strutture alberghiere e vini eccellenti. Uno di questi è il Collio in provincia di Gorizia, una porzione di territorio a ridosso del confine sloveno, caratterizzato dalla presenza di bellissime colline ricoperte di vigneti esposti a mezzogiorno, per un’estensione di circa 1.600 ettari.

Da Gorizia a Cormòns, da San Floriano del Collio, Mossa, Capriva del Friuli, San Lorenzo Isontino, fino a Dolegna del Collio e Farra d’Isonzo, il Collio “rappresenta una delle aree più prestigiose d’Italia per la produzione vitivinicola per l’alta qualità dei suoi vini bianchi, unici ed indimenticabili”.
La coltura della vite, che era diffusa già in epoca romana, e le particolari condizioni climatiche hanno favorito la produzione di vini eccellenti, come il Pinot, il Tocai friulano, il Sauvignon, il Collio Bianco DOC. Il dolce profilo collinare, punteggiato di antichi borghi che mantengono intatto il sapore delle tradizioni, nel passato rappresentava il confine tra l’Italia e l’Austria; ora invece attira moltissimi turisti.

Il Castello di Spessa e Giacomo Casanova

Proprio nel cuore del Collio goriziano, a Capriva del Friuli, si erge il Castello di Spessa, storica dimora risalente al 1200, oggi convertito in resort con 15 eleganti stanze e suites, ideale per una vacanza rilassante nel verde, con varie possibilità di svago. L’antico maniero, che negli anni è stato oggetto di importanti lavori di restauro architettonico, offre un bellissimo parco secolare e raffinate sale padronali, dove hanno soggiornato la nobiltà friulana e illustri personaggi come Giacomo Casanova, vissuto qui nel 1773.
All’interno si possono ammirare il Salone degli Specchi ex sala da ballo, la Sala Verde, la Sala della Musica, la Sala della Caccia, la Sala Azzurra e la Sala della Biblioteca, che ospita una collezione di libri scritti da e su Giacomo Casanova in varie lingue.

A rendere più suggestiva l’atmosfera ci sono poi le cantine, le più antiche del Collio, divise in due livelli. Il primo livello, di origine medievale, funge da barricaia; il secondo, un bunker militare situato a 18 metri di profondità, è utilizzato per “l’affinamento dei prestigiosi rossi Cru e della celebrata Grappa Riserva Conte Ludovico, invecchiata più di 20 anni”. Nella storica Tenuta, gli oltre 80 ettari di vigneti di proprietà sono adibiti alla coltivazione di antichi vitigni: Friulano, Ribolla gialla, Pinot grigio, Chardonnay, Cabernet franc e Cabernet sauvignon.

Terra di vini e ottima cucina

Va da sé che ottimi vini richiedono una cucina di qualità; e la ristorazione del Castello cattura il palato dei commensali con invitanti prelibatezze: il ristorante gourmand La Tavernetta, dove opera lo chef Antonino Venica, propone una cucina selezionata a base di carne e pesce; l’Hosteria del Castello, è ideale per un pranzo veloce; Il Gusto di Casanova, piccolo bistrot di 12 coperti, offre una straordinaria selezione di prodotti friulani (saporiti formaggi e gustosi salumi), ma anche pesce freschissimo.

I campi da Golf

Ma se la proposta enogastronomica è davvero superba, non è da meno lo splendido campo di golf a 18 buche che si sviluppa tra il castello e i vigneti. Qui gli amanti del green potranno cimentarsi in varie gare.

 

Capriva del Friuli, infine, ospita la Chiesa Parrocchiale (1882) con fonte battesimale (sec. XVI) e la Chiesetta della SS.Trinità (1524); ma tutta la zona si distingue per la grande ricchezza del patrimonio storico-artistico.

Come arrivare

Il territorio ed il Castello sono facilmente raggiungibili, grazie all’autostrada Venezia-Trieste, con il casello di Villesse a pochi chilometri.

Info

Castello di Spessa
Via Spessa, 1, 34070 Capriva del Friuli (GO)
Tel. 0481 808124
www.castellodispessa.it

Stampa