WeekEnd in Valle D’Aosta tra castelli, relax e buona cucina

Il WeekEnd dell’8 Marzo si tinge di rosa e regala una serie di validi motivi in più per trascorrere un breve ma intensa vacanza in questa splendida regione

Stampa

Dove dormire e mangiare:
Al Forte di Bard, si può approfittare di una pausa pranzo alla Caffetteria La Polveriera, che propone accanto a piatti unici e panini anche zuppe della cucina tradizionale valdostana (www.fortedibard.it).
A Verrès, con oltre quarant’anni di tradizione, il Ristorante Da Pierre offre una cucina imperniata sulla tradizione valdostana con sconfinamenti nel territorio francese della Savoia. Il ristorante è arredato in modo rustico elegante ed alle pareti sono appesi tipici manufatti della cultura artigianale valdostana. Dal 1985 il ristorante offre anche dodici camere categoria tre stelle (Tel. 0125-929376 www.dapierre.it ).
Appena entrati in Issogne, in Frazione Pied De Ville, Giovanni ed Emanuela gestiscono la locanda Al Maniero dal 1984. Il ristorante (menù turistico 20 €) propone i piatti tipici della valle: lardo d'Arnad e mocetta con il miele di castagno, i flan di verdure di stagione (che d'estate vengono raccolte nell'orto di famiglia), la zuppa alla valpellinentze, abbinati a una carta dei vini di oltre cento etichette. E se dopo la cena non si ha più voglia di muoversi, ci sono le tre camere matrimoniali dotate di tutti i comfort (Tel. 0125-929219 Cell. 338-4660283/348-2872893 www.ristorantealmaniero.it ).

A pochi chilometri dalla fortezza di Fénis si può soggiornare alla Maison Rosset, un agriturismo gestito dalla famiglia Rosset nel paese di Nus. L’incantevole casa padronale appartenuta alla famiglia fin dai primi anni del XVIII secolo dispone di 3 camere doppie, una tripla e una singola arredate con gusto. Il ristorante propone menu fissi  a base di prodotti dell’azienda agricola. (Tel. 0165-0165/767176 www.maisonrosset.it).
Rientrando da Morgex verso Aosta, vale la pena di percorrere la statale fino ad Arvier dove, nascosto sotto una curva in Via Corrado Gex, si incontra il Ristorante Le Vigneron. In un’atmosfera elegante ma al tempo stesso accogliente e famigliare, grazie alla gestione diretta dei proprietari, è possibile assaporare specialità gastronomiche locali e internazionali caratterizzate dall’impiego di prodotti genuini e freschi di stagione, abbinate a vini regionali, nazionali e francesi (Tel. 0165-99218/320-7038579).
Nel capoluogo, merita la sosta il ristorante Vecchia Aosta, ricavato all’interno della Porta Pretoriana, antico accesso alla città romana fondata nel 25 a.C. La Porta è uno dei reperti storici meglio conservati dell'Impero Romano e racchiude 2000 anni di storia, ma già nel Medio Evo la torre al suo fianco venne adibita a taverna. Restaurato e ampliato nel 1999, il ristorante, che nel periodo estivo dispone anche di un grazioso dehors nella piazzetta delle Porte,  può fregiarsi di un marchio di qualità esclusivo: le Saveurs du Val d’Aoste, una certificazione di recente istituzione che evidenzia le attività in cui è possibile degustare o acquistare prodotti valdostani in un contesto architettonico tradizionale e accurato. (Tel. 0165-361186 www.vecchiaosta.it).

Per ulteriori informazioni visitare il sito www.lovevda.it o chiamare il numero Tel. 0165 236627.

Stampa