L’indagine sul mistero del vero volto di Andrea Palladio, in mostra a Vicenza, coinvolge ora anche la Polizia Scientifica e le sue tecniche investigative più avanzate.

Stampa
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

Al Palladio Museum di Vicenza una mostra su Andrea Palladio tenta di ricostruire per la prima volta tutta la complicata storia del volto del mitico architetto: l’esposizione è esito di un’accanita ricerca scientifica che si snoda lungo cinque secoli, fra dipinti falsificati, equivoci, cantonate e colpi di scena, alla luce di nuove scoperte negli Stati Uniti e in Russia.

L’indagine sul Mistero del volto sta coinvolgendo anche la Polizia Scientifica, settore d’eccellenza della Polizia di Stato italiana, che sta mettendo in atto le modalità di analisi tipiche delle indagini più complesse.
I tecnici della Polizia Scientifica starebbero mettendo a confronto, nei laboratori d’avanguardia del Servizio di Roma, i presunti ritratti dell’architetto rinascimentale raffigurati nei dipinti esposti nella mostra “Palladio. Il mistero del volto” proposta al Palladio Museum di Vicenza: oggetto di studio sarebbero i singoli particolari dei visi, in alcuni casi ottimizzati anche attraverso il ricorso alla tecnica dell’age progression.

All’interno delle sale della mostra, visitabile fino al 4 giugno 2017, l’attività della Scientifica sarà illustrata da due postazioni multimediali, di cui la prima presenta ai visitatori l’attività istituzionale della ricerca in atto sul Palladio, la seconda ne evidenzia i primi risultati

L’obiettivo è quello di restituire al celebre architetto vicentino, dopo 500 anni, un volto credibile, tra i troppi, discordanti, che l’iconografia internazionale gli ha attribuito.

Per la Scientifica, questa si rivela un’occasione preziosa per valorizzare il proprio lavoro in un ambito inconsueto, ricco di suggestioni, e per verificare se l’applicazione del metodo scientifico conduca agli stessi risultati della ricerca storica parallelamente condotta dei curatori della mostra.
L’esperienza Palladio, inoltre, potrà tornare sicuramente utile per ricerche future applicate alla giustizia.

Per info sulla mostra clicca “Palladio. Il mistero del volto”

Stampa