Terza tappa del nostro itinerario nei Paesi Bassi: ecco Woudagemaal, la più grande stazione a vapore del mondo, annoverato tra i siti Unesco

Stampa
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

Nella regione della Frisia, nei Paesi Bassi, nei dintorni della pittoresca cittadina di Lemmer si trova la stazione a vapore più grande del mondo: Woudagemaal. È considerata uno dei monumenti olandesi più belli ed innovativi. Per questo nel 1998 è stato annoverato tra i siti patrimonio mondiale UNESCO.

 Impianto idrovoro Woudagemaal in uso da quasi 100 anni

Quasi un terzo dei Paesi Bassi si trova sotto il livello del mare ed è particolarmente vero per la regione di Frisia. Quest’ultima , infatti, spesso veniva sommersa dall’acqua durante le stagioni invernali. Così nel 1920 vi è stato costruito l’impianto idrovoro Woudagemaal. È in grado di pompare 4.000.000 litri d’acqua al minuto verso lo IJsselmeer. L’enorme potenza del vapore di questa stazione è tuttora osservabile in quanto l’impianto viene azionato secondo le esigenze.

Architettura di Woudagemaal

L’elemento che si nota già da lontano è l’impressionante camino, alto 60 m, che si erge al fianco della stazione. L’intero complesso è stato progettato dall’ingegnere Dirk Frederick Wouda, che si è ispirato alla Scuola di Amsterdam. Infatti nello stile architettonico prevale l’eleganza ed il carattere austero. Durante le opere di restaurazione è stato preservato ogni particolare. Per cui, tuttora l’edificio appare esattamente com’era nel 1920.

Visitare Woudagemaal – animazione 3D

Oggi l’impianto idrovoro è aperto ai visitatori. Esso non svolge solamente la funzione di un museo. Viene messo in funzione quando il livello dell’acqua diventa troppo alto. Per spiegare il funzionamento è stata creata l’applicazione Woudagemaal scaricabile gratuitamente anche sul telefono. Con l’ausilio di un’animazione in 3D ed esposizioni interattive vengono illustrate tutte le particolarità dell’idrovora. Vengono, inoltre, organizzate visite didattiche con audioguida in 9 lingue. Durante le visite si può consultare l’app tramite dei tablet in dotazione.

Nonostante il territorio molto ventoso, il panorama che si apre sullo Ijjelmeer e la baia di Lemmer è da togliere il fiato, assolutamente da non perdere.

La quarta e ultima tappa del nostro itinerario nei Paesi Bassi ci porta nei polder di Beemster e Schermer. 

Stampa